Cheratina. Che cosa è? A cosa serve? 7 Settembre 2021 – Postato in: Cura dei Capelli – Tags:

“L’estate sta finendo…un anno se ne va… ho i capelli orrendi… lo sai che non mi va… a a a”.
Partiamo così, con una piccola rivisitazione del celebre tormentone dei Righeira, per introdurci nell’argomento di oggi.

Ebbene sì, come ogni anno, il rientro dalle vacanze è accompagnato dall’annoso problema dei capelli rovinati.
Per quanto siamo stati bravi ed attenti ad utilizzare oli protettivi e prodotti professionali, la stagione estiva difficilmente ci lascerà con chiome morbide e fluenti. É adesso il momento di correre ai ripari!

Per comprendere appieno il motivo per cui, soprattutto in questo periodo, è indispensabile ridare nutrimento al capello, è bene fare un piccolissimo passo indietro e chiarire alcuni concetti.

Senza troppi giri di parole, arriviamo subito al punto.
Cheratina… Quante volte abbiamo sentito nominare questo termine in merito ai capelli? Ma realmente sappiamo cos’è? A cosa serve? E Perché è così importante?
Vi evito lezioni tricologiche parlando di filamenti, amminoacidi, proteine, dimeri, protofibrille, macrofibrille, etc., che oltre a generare confusione, probabilmente interessano poco. Ciò che ci deve interessare è comprendere che la cheratina, grazie al suo potere di legare l’acqua, è l’elemento che determina la robustezza, la compattezza e l’elasticità del capello.

Il 65/95% dei capelli è costituito da cheratina.

Basta questo semplice dato per dissolvere ogni sorta di dubbio, sull’importanza della cheratina per il benessere delle nostre chiome.

Immaginiamo la cheratina come le tegole di un tetto, che per varie ragioni, tendono a staccarsi, lasciando dei piccoli vuoti nella struttura.

Ma perché queste “tegole” vengono a mancare?

Ciò avviene per tantissime e svariate ragioni… provo a farvi un semplice elenco:
– Trattamenti chimici (colorazioni, decolorazioni, permanenti, etc.)
– Trattamenti fisici (utilizzo di phon, piastre, arricciacapelli, etc.)
– Stile di vita (abuso di fumo, alcool, sedentarietà, etc.)
– Salute (invecchiamento, fattori ormonali, stress, etc.)
– Alimentazione (carenze proteiche, vitaminiche, minerali, etc.)
A tutto ciò, che già condiziona la cheratina durante tutto l’anno, si aggiunge quello che potremmo definire “Effetto Estate” (sole, mare, cloro, salsedine).

Il risultato? Capelli deboli, sfibrati, disidratati… capelli “tristi”! E disagio stellare.

Ora, senza girarci troppo intorno, abbiamo tre possibili risposte a questo problema?

A) “A me che me ne frega”… ho una personalità straripante, condita da eccellente autostima, che posso serenamente permettermi di mantenere i capelli in pessimo stato.
T’invidio!

B) “È l’occasione per cambiare”… è una vita che volevo farmi quel Wavy Bob alla Hunziker, ma non ho mai il coraggio di tagliare. Colgo l’occasione.
Impavida!

C) “Voglio il benessere dei miei capelli”… adotto delle routine con prodotti professionali a base cheratinica, che ridiano vita alla mia adorata chioma.
Allora ascolta le mie proposte!

Faccio una rapida distinzione per orientarci subito nel confuso marasma del mondo cheratinico.
Le mie proposte sono legate a trattamenti di ricostruzione (rigeneranti) a base cheratinica, che nulla hanno a che vedere con i trattamenti liscianti a base di cheratina. Stiamo parlando di due galassie diverse tra loro. Questo deve essere ben chiaro.

Il ventaglio di trattamenti professionali di ricostruzione cheratinica è immenso ed è impossibile per me testare ogni referenza.
Sulla base della mia esperienza vi propongo tre diverse Routine che potete scegliere in base alla condizione dei vostri capelli:

PRIMA ROUTINE

SECONDA ROUTINE

Kit Ricostruzione Cheratinica Rain Dance Artègo

TERZA ROUTINE

I CONSIGLI DI DAVIDE AGOSTI

KIT RICOSTRUZIONE CHERATINICA